L’abbandono di Lifecoach e il lento declino di Hearthstone