Le migliori soundbar e soundbase presenti sul mercato non sono sempre facili da trovare e da comprendere, ma soprattutto spesso non fanno i conti con quelle che sono le esigenze personali e soggettive del consumatore. Tuttavia sono soluzioni sempre più diffuse di questi tempi, per alcuni una moda, per altri una necessità dovuta agli spazi ridotti. Quale che sia il vostro caso, la finalità è sempre la stessa, migliorare la qualità dell’audio della TV con un ingombro ridotto e utilizzando pochi cavi.
Un elemento deve dunque essere chiarissimo: l’audio del 99% delle TV presenti sul mercato è osceno, a prescindere dalla fascia di prezzo. La verità è che con uno schermo LCD o OLED manca fisicamente lo spazio per montare degli speaker decenti, e i consumatori tendono a preferite TV sempre più sottili e con cornici invisibili.
Da qui la necessità di affidarsi a un impianto audio dedicato, idealmente composto da speaker sparsi per tutta la stanza per creare un effetto ottimale, o magari qualcosa che sfrutti le pareti per creare il surround ideale.
Tante persone però non hanno a disposizione questi spazi, non vogliono cavi sulle pareti, non desiderano smanettare più di tanto, e decidono dunque di rivolgersi a una soundbar o a una soundbase.
Nella maggior parte dei casi le soundbar hanno bisogno di un sub dedicato per occuparsi dei bassi. Il posizionamento del sub è irrilevante, in quanto l’orecchio umano tende a non percepire la direzione da cui proviene quel tipo di frequenza sonora. Le soundbase riescono a gestire i bassi con migliore autonomia, ma richiedono più spazio.
Come fare a trovare il prodotto ideale per le nostre necessità?
Dobbiamo valutare prima di tutto due elementi chiave: la stanza e la vostra posizione in rapporto alla TV.
In una stanza di piccole dimensioni l’effetto surround è poco efficace, e in linea di massima conviene puntare su un semplice stereo a due canali. Stesso discorso se la vostra posizione non è frontale alla TV.
Useremo il surround nelle stanze di dimensioni medio/grandi, da posizione frontale e possibilmente con una parete alla spalle.

Per ottenere una buona esperienza sonora con i videogame è caldamente consigliato puntare a un prodotto con bassi profondi.
Per quanto riguarda invece film e serie TV la situazione è purtroppo molto complessa.
Da quasi un ventennio il mondo del cinema adotta scelte bizzarre durante il montaggio audio, che portano il prodotto finale ad avere una variazione nel volume considerevole tra musiche, effetti speciali e dialoghi. In moltissimi casi il parlato avrà un volume nettamente inferiore rispetto agli altri due elementi, tanto da costringerci ad aumentare o ridurre il volume in base alla scena che ci ritroviamo davanti. È una scelta precisa dei produttori, non è colpa vostra, e le vostre orecchie funzionano perfettamente.
Fortunatamente esistono più soluzioni al problema.
In primis bisogna mettersi in testa che risparmiare non è sempre la soluzione migliore, soprattutto se passate molto tempo tra Netflix e simili.
Per il resto queste sono le possibili soluzioni da adottare:
– Assicuratevi che la vostra soundbase o soundbar offra un’opzione di normalizzazione sonora (chiamato a volte Modalità Notte). Questo riduce le variazioni improvvise di volume.
– Aumentate il volume del canale centrale (se possibile) o incrementate il treble.
– Riducete il volume dei bassi.
Se queste soluzioni non vi portano ai risultati sperati può essere per le seguenti motivazioni:
– Il montaggio audio è di scarsa qualità (provate in lingua originale per un confronto).
– Il vostro dispositivo (TV o Set top box) non decodifica in maniera corretta il codec usato per il file. In questo caso vi invitiamo ad ascoltare lo stesso contenuto su un PC, con casse o con cuffie. In generale i Set top box decodificano video e audio meglio di quanto non facciano le TV. Tenetene conto se fate largo uso di pen drive o hard disk esterni.

Ecco adesso una selezione delle migliori soundbar e soundbase attualmente in commercio, suddivise per fascia di prezzo.
Selezionare una categoria di interesse:

[Da 0 a 200 euro]
[Da 200 a 500 euro]
[Da 500 a 1000 euro]