Solo: Island of the Heart – Recensione | Il giocatore nel gioco