Il direttore di Bayonetta 2, Yusuke Hashimoto, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di CVG, da cui è emersa chiara la volontà di continuare a lavorare sul franchise di Bayonetta, qualora Nintendo mostrasse il proprio supporto.

Hashimoto ha detto che l’intero team ha imparato molto lavorando con Nintendo, e in particolare è stato molto utile l’approccio al progetto da parte del colosso di Kyoto, o meglio il “non approccio”. Sembra infatti che Nintendo non abbia imposto allo studio di sviluppo alcun tipo di restrizione, il che ha permesso di realizzare un prodotto perfettamente in linea con l’idea originale.
Tuttavia, le due aziende sono riuscite a lavorare insieme e, non appena il progetto ha iniziato a prendere forma, il feedback di Nintendo è stato fondamentale per apportare delle modifiche che hanno migliorato il risultato finale in maniera determinante.

Restiamo in attesa di vedere come andranno le vendite di Bayonetta 2, produzione che certamente non diventerà un blockbuster, ma che potrebbe comunque ritagliarsi uno spazio interessante nella libreria di Wii U.
Immaginiamo che un eventuale seguito dipenderebbe in larga parte sia dal successo commerciale del secondo capitolo, che dal riscontro da parte della stampa specializzata.