Anche il direttore di Tekken Katsuhiro Harada si schiera contro censura e guerrieri sociali