Giochi giapponesi e traduzioni, ovvero le follie dei publisher