I titoli di corse più giocati e venduti, oggi come oggi, sono più che altro quelli che non fanno del realismo e della fisica il loro cavallo da battaglia. Partendo del sempreverde Mario Kart, passando per Forza Horizon e continuando con il più ibrido Gran Turismo, è evidente che la massa preferisce esperienze più immediate rispetto alla complessità di un Forza Motorsport o delle simulazioni di SimBin Studios.
Monster Energy Supercross 2 può essere giocato in spensieratezza come un qualsiasi arcade, ma potrebbe anche essere considerato come una scommessa da parte degli sviluppatori degli italiani di Milestone. I giocatori più esigenti potranno infatti contare su una sfida ben diversa dal lanciarsi raggi laser per tagliare per primi il traguardo.

Monster Energy Supercross 2 recensioneMonster Energy Supercross 2 – Recensione

Data di uscita: 08/02/2019
Versione recensita: PS4
Disponibile su: PC, PS4, XB1, NSW
Lingua: Italiano
Prezzo di lancio: €69.99

Riuscire a padroneggiare le meccaniche di Monster Energy Supercross 2 con impostazioni simulative è un’impresa non poco ardua, perché il sistema di guida fa del realismo la sfida principe del titolo. Oltre a doverci destreggiare con il classico sterzo, acceleratore e freno, il gioco ci dà la possibilità di gestire con la levetta destra la distribuzione del peso del pilota sul veicolo. Tale elemento da solo conferisce al prodotto un interessante nuovo livello di sfida, e costringe il giocatore a prendere svariati accorgimenti. Questo è vero in particolare quando si imposterà un livello di guida “realistico” che, per quanto imperfetto, sa offrire un modello comunque piacevole e piuttosto convincente.

In Monster Energy Supercross 2 sarà necessario in primis analizzare nel dettaglio il tracciato prima di ogni gara, così da farci un idea dello stile di guida da adottare. Se vorremo fare le cose per bene bisognerà aggiustare la distribuzione del peso del veicolo prima di affrontare una corsa. Il bilanciamento dovrà ovviamente essere regolato in relazione al tipo di tracciato e alla conformazione del terreno, che tra l’altro si modifica in tempo reale. Tra le altre cose il giocatore dovrà calcolare la direzione e la pesantezza dell’atterraggio sul terreno sconnesso, preparandosi ad affrontare la curva successiva e impostando l’assetto nella maniera più intelligente.
Milestone non dimentica nemmeno la forma fisica. Allenare il pilota prima di ogni corsa sarà fondamentale. Così facendo lo aiuteremo a migliorare specifiche abilità quando sarà dietro il manubrio, in base al tipo di allenamento scelto.

Una volta superate le prime ore di gioco riusciremo a padroneggiare le nuove meccaniche. L’esperienza quindi si trasformerà, passando da un’iniziale “confusa e frustrante” a “stimolante e divertente”.

Monster Energy Supercross 2 – Trailer di lancio

Se le simulazioni non fossero proprio il vostro pane quotidiano sarete liberi di attivare il Flow Aid. Si tratta della classica linea che indica la traiettoria ideale per affrontare il tracciato, utile tra le altre cose anche per studiare il terreno. Anche i giocatori della domenica riusciranno in questo modo a godere del gioco, con il classico cambio automatico, una guida assistita e una gestione della fisica molto più permissiva.
Potremo ovviamente impostare anche il livello dell’intelligenza artificiale, che però non si è dimostrata più di tanto convincente. Si tende infatti a passare da un troppo facile a un troppo difficile, con una difficoltà intermedia non pervenuta. Sembra in pratica che la curva sia eccessivamente ripida.

Monster Energy Supercross 2 presenta un sistema di gestione della carriera di un personaggio. E’ sufficientemente approfondito e ci permette di accedere alle più importanti attività proposte. In questo caso dovremo creare da zero un nostro personaggio e portarlo alla vittoria, come da tradizione. L’editor per la creazione del personaggio è ampiamente migliorabile, non offre chissà quale profondità. Potremo scegliere tra una serie di volti, che però non sono numericamente soddisfacenti.
Ci sarà concessa tuttavia una buona libertà in termini di personalizzazione, con oggetti cosmetici acquistabili attraverso la valuta di gioca. Sia vestiti, che accessori che componenti della moto riportano tra l’altro marchi e loghi ufficiali.
Oltre alle corse sono presenti appositi tracciati pensati per gli allenamenti, le classiche sfide a tempo, incontri con la stampa e con i fan e un sistema di rivalità con altri piloti.

Monster Energy Supercross 2 recensione

Monster Energy Supercross 2 prevede un sistema di guida piuttosto flessibile

Il titolo però presenta un paio di dettagli che ad alcuni potrebbero risultare fastidiosi, ovvero una eccessiva pubblicità e animazioni piuttosto incomplete in caso di incidenti. E’ chiaro che il titolo sia stato pensato anche per pubblicizzare la bevanda energetica Monster ma il logo (oltre al marchio presente anche nel titolo del gioco) è stampato davvero dappertutto, sia durante le gare che la preparazione, dando l’impressione di aver comprato un Free to Play per cellulari.

Per quanto riguarda gli incidenti invece, sarebbe potuto essere divertente (in un certo senso anche macabro) avere delle animazioni vere e proprie. Anche durante gli incidenti più disastrosi c’è un semplice ritorno in pista automatico che cozza con l’impronta marcatamente realistica del resto della produzione.

Consigliato


In breve, Monster Energy Supercross 2 è un titolo di supercross valido, con un sistema di guida flessibile e pensato per gli amanti di questo sport. E’ interessante se cercate una riproduzione accurata accurata della fisica, senza però aspettarsi il livello di realismo di altre produzioni più “estreme”. I giocatori più interessati a un’esperienza mordi e fuggi troveranno comunque pane per i propri denti, grazie a una pletora di aiuti non indifferente.
Purtroppo ci sono anche numerose mancanze, come animazioni che appaiono incomplete e in generale una cura nel confezionamento generale che ci auguriamo possa essere migliorato con la prossima iterazione.

Pregi Difetti
  • Meccaniche divertenti
  • Livello di sfida elevato ma non ingiusto
  • Fisica in gioco ben curata
  • Sistema di “rivalità” poco curato
  • Creazione del personaggio poco dettagliata
  • E’ un enorme spot della Monster