Shroud of the Avatar – Recensione | Lord British solo di nome