In un range che oscilla tra i 650 e gli 800 euro c’è l’ottima Sonos Playbar, una delle migliori soundbar disponibili al di sotto dei 1.000 euro. Il particolare design rende questo dispositivo apprezzabile anche come oggetto d’arredamento, ma è all’interno che troviamo gli elementi più interessanti. Andiamo a scoprirla.

Sonos Playbar – Recensione

Sonos Playbar: Costruzione e porte

Elegante e alta poco meno di 9 centimetri, Sonos Playbar si presenta molto bene, con inserti in alluminio che danno un feeling da dispositivo premium. E’ pesante, più delle soundbar tipiche di queste dimensioni, ma la sensazione di solidità e la qualità costruttiva sono innegabili.

Questa soluzione di casa Sonos si collega direttamente al nostro router ed è facilmente installabile via smartphone utilizzando l’applicazione ufficiale per iOS o Android. Non c’è una gran dotazione di porte, ci si limita a due ethernet e un ingresso per cavo ottico. Esatto, manca qualsiasi forma di HDMI, il che non è esattamente il massimo in questa fascia di prezzo.

Il telecomando invece può essere rimpiazzato da quello della TV per la gestione del volume, un tocco di classe che offrono anche molti modelli di Yamaha e che fa sempre piacere. Se preferite c’è sempre l’opzione di fare tutto con l’app dello smartphone.

Tipo: soundbar
Dimensioni: 14 x 90 x 8.5cm
Connessioni: Ethernet, 1 ottico
Prezzo consigliato: 800€
Controlla prezzo su Amazon
Controlla prezzo su eBay

Sonos Playbar: Performance

La Sonos Playbar non delude dal punto di vista qualitativo. Questo modello tende a inviare il suono in giro per la stanza creando un effetto molto particolare: manca la sensazione di essere “avvolti”, proprio perché il suono non è mandato direttamente verso di noi. Il vantaggio è che anche non trovandosi in una posizione ideale la qualità audio sarà ottima. I bassi sono eccellenti anche senza la presenza di un sub addizionale, che è comunque possibile aggiungere in un secondo momento.

Più che positiva la situazione per quanto riguarda i dialoghi, puliti, chiari, ben delineati e differenziati da colonna sonora ed effetti speciali. Con Sonos Playbar, la visione di film d’azione con molti effetti speciali lascia soddisfatti, si riesce a seguire il parlato senza dover continuamente modificare il volume in base alla scena. I bassi soffrono un po’ con questo genere di film, in particolare se cercate una profondità di un certo tipo. Non c’è insomma la potenza che otterremmo con un sub dedicato, il che era anche piuttosto prevedibile.

Sonos Playbar: Conclusioni

Il surround non è tra i migliori che abbiamo avuto modo di ascoltare, ma in linea di massima Sonos Playbar è la migliore soundbar tradizionale in questa fascia di prezzo. Se invece cercate qualcosa di più particolare date un’occhiata Philips Fidelio B5.