Sony giustifica le censure rendendosi ancor più ridicola