Potrebbe essere il nuovo processore Intel Atom Cherry Trail a muovere il software del nuovo visore olografico di Microsoft, quell’interessante HoloLens che ha sorpreso un po’ tutti nel corso del recente evento di presentazione per Windows 10. Per il momento si tratta di semplici indiscrezioni, indiscrezioni che però sembrano arrivare da fonti vicine al colosso di Redmond.

Così come avviene per gli smartphone, è chiaro che anche HoloLens dovrà affrontare il tanto temuto problema della durata della batteria, motivo per cui si cercherà di trovare un chipset il più possibile parsimonioso in termini energetici.
Far ricadere la scelta su un sistema Atom permetterebbe ovviamente a Microsoft di non scendere a compromessi lato software, cosa che ad oggi non sarebbe possibile con i chipset ARM prodotti dai colossi Qualcomm e MediaTEK. Consideriamo inoltre che il processo produttivo del nuovo Cherry Trail sarà di soli 14 nanometri, permettendo una notevole efficienza energetica e un surriscaldamento minimo.

Se il rumor venisse confermato rimarrebbe solo da capire quale sarà la HPU del dispositivo, ovvero quella Holographic Processing Unit che dovrebbe occuparsi di realizzare e gestire i diversi elementi in realtà aumentata.

Ricordiamo che non esiste ancora una finestra di lancio per l’interessante HoloLens, device che comunque ha saputo intrigare tutti i presenti alla convention di Microsoft e che francamente non vediamo l’ora di provare con i nostri occhi.

Vi lasciamo per il momento al video di presentazione del dispositivo.