Cacciatorpediniere a ore 12! Presto immersione! Svuotate i serbatoi, veloci!
Se avete capito di cosa sto parlando allora siete come me dei fan della saga Silent Hunter e avete sicuramente visto Das Boot.
UBOAT, è questo il titolo del nuovo simulatore di sommergibili tedeschi sviluppato da Deep Water Studio e uscito pochi giorni fa in Early Access.

uboat anteprima early accessUBOAT – Anteprima Early Access

Data di uscita: 30/04/2019 (Early Access)
Versione recensita: PC
Disponibile su: PC
Lingua: Italiano, Inglese
Prezzo di lancio: €24.99

Era parecchio tempo che non si sentiva parlare di sommergibili della della Seconda Guerra Mondiale. La saga di Silent Hunter infatti sembra sia “affondata” definitivamente col problematico quinto capitolo. Però ecco adesso smuoversi le acque, qualcosa emerge dagli abissi. Finanziato grazie a Kickstarter e in sviluppo da quattro anni, UBOAT viene finalmente rilasciato al pubblico.

Si tratta di un videogame parecchio innovativo. Unisce infatti l’unica genialata/pecca di Silent Hunter 5 – ossia la prima persona – affiancandola ad una modalità gestionale. A bordo del nostro u-boat, oltre ai normali marinai, avremo sotto i nostri ordini diversi ufficiali. Questi uomini saranno gli unici controllabili direttamente e in prima persona. Grazie ad una visuale del fianco del nostro uboat, potremo comandarli come su un gestionale.
Questa particolare inquadratura infatti permette di scorrere tra i vari compartimenti. L’interno è riprodotto fedelmente, con grande cura per i dettagli. Potremo interagire con ciascuno strumento di bordo, dall’idrofono, alle luci, alle porte. Saremo liberi di farlo sia in prima persona che dando un comando ai nostri ufficiali. Nostro compito sarà quindi assegnare un ufficiale alle diverse postazioni per far funzionare al meglio l’uboat.

Ogni ufficiale è specializzato in un particolare settore. I “leader” potranno essere assegnati all’avvistamento dei bersagli o alla cartografia, mentre gli ingegneri potranno lavorare sui motori e riparare le falle. Assegnando un ufficiale ad una postazione otterremo dei particolari bonus, come sbloccare marce aggiuntive o guadagnare ulteriore raggio di avvistamento. Inoltre, accumulando esperienza potremo assegnare abilità particolare a ciascuno di essi.
Non siamo a livelli di The Sims, l’unica limitazione sarà la stanchezza dell’ufficiale, che andrà a inficiare le sue prestazioni.

Uboat – Trailer Accesso Anticipato

Al momento le modalità presenti sono solo due. Un tutorial, abbastanza soddisfacente ma in parte da completare, e la modalità sandbox. La campagna invece è ancora in fase di sviluppo.
Nella modalità sandbox partiremo da un porto ubicato nel teatro europeo. Dal porto potremo comprare carburante, munizioni, cibo, e via dicendo, oltre che selezionare le missioni da svolgere.
Al momento vengono offerte le classiche missioni di pattugliamento. Ce ne sono anche alcune più particolari, che ci chiedono ad esempio di infiltrare una spia in un porto nemico. Completando le missioni guadagneremo crediti da spendere al porto, e punti “favore” per aumentare ad esempio il numero degli ufficiali a bordo.

È inoltre possibile mandare un nostro ufficiale in missione esterna, per effettuare ricognizioni oppure sbloccare nuove tecnologie installabili.
Al momento la personalizzazione si limita a queste tecnologie, con la promessa che più avanti si potranno modificare stemmi e quant’altro. Inoltre verrà anche aggiunto il supporto a Steam Workshop, per dare spazio alle mod degli utenti.

Conclusioni Early Access


UBOAT è un titolo che promette molto bene. Realismo e fedeltà storica sono apprezzabili e con la campagna in arrivo sarà probabilmente in grado di offrirci decine e decine di ore di navigazione. Le missioni al momento sono poche, ma sembra che quando saranno implementati i nuovi contenuti ci sarà varietà a sufficienza.
Unica pecca, come per tutti gli early access, sono i vari bug e crash che ogni tanto occorrono. Il team di sviluppo comunque si sta impegnando, e vengono frequentemente rilasciate patch correttive.