Children of Morta – Recensione | Buono e bello, con poco carattere