Monument Valley. Una recensione facile per chiunque sia un giocatore di vecchia data. Una recensione molto facile, un gioco che si potrebbe descrivere con pochissime parole. A dirla tutta può accadere di pensare a Monument Valley senza ricordare minimamente le sue meccaniche. Non perché siano complesse o trascurabili, o magari poco ispirate. Semplicemente perché questo prodotto è molto più potente di un comune videogame, e non lascia idee riguardo gameplay, grafica, tecnica o simili. Lascia solo un grande, profondo senso di armonia.

Monument Valley – Recensione

Monument Valley è un puzzle game in terza persona con visuale isometrica. Nel gioco controlleremo la piccola Ida, indicandole dove andare all’interno dei pochi livelli disponibili. interagiremo con l’ambiente circostante in moda da sbloccarle la strada, e permetterle così di raggiungere la fine dei livelli stessi.
Un tap sullo schermo indicherà al personaggio di raggiungere una determinata posizione. Gli enigmi consisteranno nel modificare i vari percorsi, ruotando pontili, modellando strade, sollevando strutture, abbassando passaggi. Ma in particolare ci sarà richiesto di giocare con la prospettiva, creando dei paradossi grafici che permettano alla piccola Ida di raggiungere sezioni del livello altrimenti inaccessibili.

La visuale isometrica a telecamera fissa ci viene in aiuto in tal senso, permettendoci di creare effetti ottici particolari che sconfiggono le leggi della logica, formando dei sentieri che di fatto non esistono. E’ un’idea molto originale, che non ricordiamo di aver mai visto prima in un videogame, e che dà alla produzione una freschezza indiscutibile.

Le meccaniche sono quindi piuttosto semplici, ma nel contempo brillanti. Il livello di difficoltà è blando all’inizio, arrivando solo al moderato sul finale. Il gioco è in pratica accessibile da qualsiasi tipo di giocatore, senza allontanare quei veterani che comunque troveranno gratificante procedere attraverso i vari enigmi. Proprio l’intelligenza (e la bizzarria) degli enigmi contribuisce infatti a creare un senso di stupore che vive e si propaga per l’intera avventura, in modo che l’assenza di un livello di sfida elevato venga mitigata dell’eccellenza del design.

Monument Valley – Trailer di lancio

Parlando di design, Monument Valley è un prodotto terribilmente raffinato. Potrà farvi pensare a FEZ, potrà farvi pensare ad Ico, potrà farvi pensare ad un gran numero di produzioni degli anni passati che hanno saputo stupire e coinvolgere grazie a una direzione artistica che trasudava amore. Ma oltre ai paragoni, Monument Valley resta Monument Valley. E’ un gioco che si staglia con morbidezza sopra l’intero panorama videoludico, che si impone dolcemente nel diventare un classico immediato, che tocca il giocatore con una potenza terribilmente delicata.

La cura riposta nel design, la maniera in cui il lieve accompagnamento sonoro scandisce le nostre azioni e ci tiene per mano, sono tutti elementi che contribuiscono a dipingere un quadro dai tratti onirici, dai contorni sfumati, dai tempi irreali.

Proprio quei tempi che ci permetteranno di completare l’intera, sublime avventura in circa un’ora. Sì, perché Monument Valley è un’opera brevissima, che forse completerete in un’unica sessione di gioco, e che con forza vi invitiamo a non sottovalutare per questo.

Potrete pensare che il prezzo richiesto sia eccessivo ma, credeteci sulla parola, sarà una delle ore videoludiche meglio spese della vostra carriera videoludica. Come non si può valutare la bellezza di Journey in base alla sua durata, come non si può restare impassibile di fronte al finale di Bioshock Infinite, allo stesso modo Monument Valley è un’esperienza a nostro avviso imprescindibile per qualsiasi giocatore di vecchia data.
E scusate se è poco.

Conclusioni
Monument Valley è un classico istantaneo della storia dei videogame, una pietra miliare che verrà ricordata negli anni a venire per la sua delicatezza, per la sua finezza, per il suo essere dolcemente musicale. Non fatevi un torto, mettete da parte l’idea che un’ora di gioco non valga un prezzo del genere. Perché, giuro, dipende dal gioco.

+ Semplicemente brillante nel design
+ Raffinato ed elegante come nessun altro titolo
+ Sa trasmettere emozioni
– Estremamente breve

Valutazione 9.0/10

Metascore 89/100
Monument Valley | Google Play | 3.59€
Monument Valley | App Store | 3.59€