Omensight – Recensione | Viaggi nel tempo in salsa fantasy