Shadowrun: Hong Kong – Recensione | Lavoro di limatura