Già da troppo tempo si sente parlare dei cosiddetti Social Justice Warriors, individui privi di qualsivoglia qualifica e argomentazione valida a cui garba sollevare enormi polveroni per questioni a dire il vero poco rilevanti.
L’improvviso interesse di codesti “guerrieri” per un franchise, quello di Dead or Alive, che ha fatto del fanservice (rivolto ad entrambi i sessi) il suo storico marchio di fabbrica sembra aver spinto i vertici di Tecmo Koei a bloccare il rilascio in Occidente dell’ultima iterazione della serie, ovvero Xtreme 3.
Pur non nutrendo alcun interesse ludico per il titolo, ciò ci preoccupa abbastanza in quanto simboleggia l’effimera vittoria dell’esercito pseudo-femminista conseguita a causa della deludente arrendevolezza dell’azienda nipponica.
Non ancora soddisfatti, i fantomatici eroi hanno deciso di scagliarsi persino contro il sito playasia.com, reo di aver messo in vendita il malvagio prodotto che, a loro parere, merita di non vedere la luce degli scaffali.
Sì, è proprio di questo che si tratta: censura.

Il tentativo disperato e scandaloso di vietare la vendita di un prodotto d’intrattenimento come tanti altri, oltre a limitare le opzioni di chi volesse acquistarlo indirizzandolo per forza di cose all’import, rappresenta un incredibile passo indietro nella libertà d’espressione e una preoccupante intrusione delle politiche gender nel mondo videoludico, definito più e più volte sessista da migliaia di feminazi agguerrite, tra cui personaggetti inspiegabilmente alla ribalta delle cronache come Anita Sarkeesian e Zoe Quinn, sprovviste di un minimo di conoscenza sull’argomento gaming e non abituate al confronto con chi la pensa diversamente da loro.
Vi ricordate di quando il PETA accusò Gamefreak e i giochi Pokémon di promuovere idee schiaviste e anti-animaliste?

Quella stessa ignoranza, stupidità quasi infantile e frustrazione mal repressa continua a scagliarsi contro poligoni e stringhe di codice, pura finzione a quanto pare offensiva nei confronti di qualcuno, forse di chi ha problemi con il proprio corpo o vuole semplicemente qualche attenzione poi puntualmente concessa dalle cime giornalistiche emiliofediane di Polygon e Kotaku, giusto per citarne due.
Ma d’altronde, perché alzarsi dalla sedia e agire occupandosi di problemi drammaticamente reali ed attuali quando si possono attaccare, attraverso uno schermo, publisher, sviluppatori e audience per ragioni così futili?
E’ facile, troppo facile autodefinirsi guerriero sociale fingendo di lottare per il bene comune mentre invece si alimentano le disparità e non si rende servizio a nessuno, anzi si danneggiano libertà e gusti personali altrui.

Bisognerebbe però valutare l’altra faccia della medaglia.
Nessuno si lamenta della spiccata sessualizzazione dell’uomo nei media d’intrattenimento, il che è alquanto emblematico giacché i casi sono molteplici.
A cambiare è soltanto la prospettiva, eppure le opinioni generali maschili si configurano come diametralmente opposte a quelle della controparte in esame.
Né Channing Tatum né i prorompenti colleghi di Magic Mike, ad esempio, ci mettono a disagio, ci provocano cali di autostima, non pensiamo che creino modelli ideali per cui il pubblico debba andare in depressione e tantomeno ci fanno sentire oggettificati.

Di certo i Robert Pattinson e i Taylor Lautner della situazione non rientrano nell’olimpo dei nostri attori preferiti ma non ci lamentiamo del chiaro fanservice proposto al target femminile attraverso i loro corpi, rispettando persino i punti di vista di chi li eleva a talenti indiscussi.
Eppure, in quanto giocatori, veniamo considerati soverchianti, parziali, scorretti, consumatori di prodotti pericolosamente sessisti come Super Mario (cit.) e ci permettiamo pure di criticare le colleghe gamer girl e le streamer di successo che devono tale fama all’incredibile skill, niente affatto ad aspetto fisico, scollatura ed inclinazione della webcam.
Le stesse che sbavano su Sherlock, che vivono di fanfiction dai toni yaoi tra Sam e Dean Winchester, che darebbero via un braccio pur di vedere Jared Leto nudo, indossano abiti succinti come shorts e magari tradiscono il proprio fidanzato andando a letto con un giornalista per ottenere spazio mediatico (ogni riferimento alla signorina Quinn è puramente casuale) si riservano il privilegio di osteggiare tette e culi virtuali chiedendone la rimozione dal mercato.
Dead or Alive è solo uno tra i primi birilli a cadere: grazie a tali atteggiamenti censori la nostra libertà d’acquisto e d’espressione caleranno drasticamente negli anni a venire, specie se sottovalutiamo il problema.

Davvero vogliamo lasciare che le false femministe impoveriscano il mondo dei videogiochi?
Questi avvoltoi guidati da interessi politici o disturbi psicofisici devono restar fuori da un universo che non gli appartiene, un media portatore di gioia e svago per milioni di utenti che continua ad evolversi incessantemente crescendo sotto tutti i punti di vista giorno dopo giorno.
Il nostro compito consiste nel difendere i diritti del consumatore senza però scadere nel banale insulto via Twitter, strumentalizzato in modo tempestivo con slavine di vittimismo, e anzi contrastare sul nascere tali fenomeni (da baraccone) a colpi di logica, destinandoli alla gogna pubblica e al conseguente meritato dimenticatoio.
Credo che a questo punto, come gesto simbolico, anche noi importeremo Dead or Alive Xtreme 3 da playasia.com.