Data di Uscita 31 Marzo 2016 Lingua Italiano
Piattaforme iOS, Android Versione recensita Android

Miitomo non è esattamente un videogame, ma piuttosto un interessante esperimento di Nintendo a metà tra un social network e un casual game. Due definizioni che, specie se messe insieme, possono far tremare i giocatori hardcore di mezzo mondo, ma dopo aver provato l’applicazione per diversi giorni dobbiamo ammettere di aver visto un grande potenziale, ed è giusto non partire prevenuti verso questo prodotto.
Cerchiamo allora di capire in cosa consiste questa prima produzione mobile di Nintendo.

Miitomo

Dopo aver creato il nostro Mii alla maniera di Wii e Wii U, Miitomo potrà venire interfacciato con Facebook per scoprire chi tra i nostri contatti fa uso della piattaforma, ed eventualmente invitarli nella lista amici.
L’applicazione pone a ciascun utente un gran numero di domande che riguardano i gusti personali, le abitudini, cosa abbiano fatto di recente e tanto altro ancora. La tipologia di domande spazia dal comprensibile all’assolutamente bizzarro, e spesso viene del tutto naturale rispondere in maniera ironica o non esattamente onesta.

Ovviamente i nostri amici su Miitomo potranno leggere tutte le nostre risposte, e a nostra volta potremo fare lo stesso con loro, lasciando dei commenti, alimentando conversazioni o esprimendo il più classico dei Mi Piace.
In linea di massima Miitomo sta tutto qui: è un social network che non entra in competizione con Facebook o Twitter, ma che anzi li accompagna con intelligenza sulla falsariga di Ask, con l’unica differenza che in questo caso è l’applicazione stessa a fare le domande.
Va da sé che se tra i vostri contatti ce ne sono molti che usano Miitomo avrete la possibilità di scoprire tantissimi elementi in più su quella persona, magari in maniera divertente, e cogliere tanti aspetti di un carattere che forse sul più classico dei Facebook aveva avuto modo di esprimersi solo entro certi limiti.
Discorso opposto qualora pochi tra i vostri amici non siano in possesso dell’applicazione: Miitomo permette di aggiungere estranei attraverso amicizie comuni, ma in questo caso non è molto divertente farsi i fatti di persone di cui fondamentalmente non ci frega più di tanto, e sconsigliamo caldamente di aggiungere gente a caso solo per aumentare il counter degli amici, si creerebbe solo una situazione dispersiva e non interessante.
Se desiderate davvero divertirvi con questa applicazione è necessario che la consigliate alle persone con cui siete in rapporti più stretti, perché in quel caso il risultato sarà divertente e vi potrà tenere impegnati a lungo.

Miitomo permette inoltre una sorta di integrazione con i social network grazie a immagini del nostro Mii che vengono trasformate in vignette e, se vorremo, meme.
Di tanto in tanto l’applicazione ci proporrà infatti un’immagine dove il nostro avatar si troverà in una posa particolare, alla quale potremo aggiungere del testo per condividere la nostra creazione su Facebook e simili. È una maniera intrigante per raccontare qualcosa che è appena avvenuto, per esprimere un’idea o semplicemente uno stato d’animo.
Il gioco può anche accedere alla nostra libreria di immagini (sia sul dispositivo che sul cloud) per inserire il nostro personaggio e realizzare degli effetti molto particolari.

Miitomo

Trattandosi di un’applicazione molto social è prevista la possibilità di personalizzare il look del nostro Mii accedendo a un negozio dove acquistare vestiti e accessori. Considerato che quasi ogni azione che compiremo nel gioco ci permette di guadagnare qualcosa abbiamo trovato le micro transazioni molto meno invasive di quanto avessimo preventivato.
A tutto ciò si aggiungono eventi periodici che ci permetteranno di vincere abiti o completi esclusivi, sempre basati su tematiche specifiche.
Per qualche strano motivo non è al momento possibile personalizzare in alcun modo il look e l’arredamento della nostra casa, elemento che ci ha un po’ sorpreso considerato che parliamo di un’azienda così esperta in questo campo grazie al successo di Animal Crossing. Immaginiamo comunque che tale feature sia in programma per il prossimo futuro.

Il comparto tecnico di Miitomo è per adesso deludente, ed è basato sull’utilizzo della rete, della velocità di connessione e dei server di Nintendo.
Ciò si traduce in tempi di attesa quando leggeremo, quando risponderemo, quando passeremo da un personaggio a un altro. Niente di terribile, ma l’esperienza risulta poco scorrevole.
Al momento il problema maggiore riguarda la cattiva gestione della RAM, che porta l’applicazione a chiudersi tutte le volte che la riduciamo a icona, almeno con 3GB disponibili.

Conclusioni
Miitomo è un esperimento interessante, ma non è abbastanza coraggioso. Per motivi che sfuggono alla nostra comprensione Nintendo non ha implementato una sfilza di idee che avrebbero reso il prodotto molto più intrigante e completo. Non è possibile chattare con gli amici, cliccare sui link presenti nei commenti, aggiungere gif animate, non è possibile lasciare domande anonime che poi risultino pubbliche, sembra esserci fin troppa attenzione verso una privacy che dovrebbe essere gestita dall’utente attraverso impostazioni, piuttosto che imposta dallo sviluppatore a priori.
Se non commetterete lo sbaglio di aggiungere agli amici persone a caso e vi limiterete a gente di cui vi importi realmente qualcosa, Miitomo sa essere divertente e interessante, e permette di imparare cose in più sui gusti, sulla vita e sui modi di esprimersi delle persone a noi care. A patto di non essere troppo esigenti con la fluidità del software.
Ora bisognerà vedere in che modo Nintendo supporterà l’applicazione, perché a nostro avviso c’è poca carne al fuoco e la longevità è interamente nelle mani degli utenti che formeranno ciascuna community. Occorrono più stimoli, anche a costo di prendere spunto da network quali Ask FM e sistemi a punti sulla falsariga di Yahoo Answers. Di idee potrebbero essercene moltissime. Per raggiungere l’eccellenza bisogna solo avere un po’ più di coraggio.
Valutazione

7.8
+ Potenziale enorme
+ Le voci dei Mii sono uno spettacolo
+ Si scoprono tante cose interessanti sugli amici
– Longevità dipendente dalla cerchia di amici
– Tantissime idee non implementate
– Piuttosto lento

*Gioco free to play*