Dirt Rally 2.0 – Recensione | La condizione del capolavoro