Esclusive videogame nel 2020: hanno ancora senso?