Anche Microsoft nel buco nero del politicamente corretto