Se intendete giocare seriamente con un PC gaming fisso, di certo non vorrete accontentarvi della GPU integrata nel processore. Anche se esistono soluzioni più o meno valide (come quelle offerte dai Ryzen), una GPU integrata non può competere con una scheda video dedicata, qualunque sia il form factor, nemmeno con una di fascia bassa. Naturalmente potrete scegliere sia una scheda video Nvidia che una AMD, la decisione è molto personale. Tuttavia è bene seguire dei criteri nella scelta del chip grafico, perché esistono numerose soluzioni custom che possono confondere. Cercheremo adesso di capire quali siano le diverse tipologie di schede video, che differenze ci sono tra i vari form factor, e come questi si possano relazionare sia con l’overclock di fabbrica che con il grande problema del throttling termico.

Form Factor: comprendere le differenze

A prescindere dalla vostra marca preferita e dalla potenza del chipset che intendete acquistare, esistono più tipologie di schede video. Ciascuna di esse è caratterizzata da forme e prestazioni differenti, e sono indirizzate a un determinato tipo di pubblico. Andiamo a vedere quali sono i quattro principali form factor di scheda video, elemento da cui partire per la scelta del giusto modello.

Schede video a raffreddamento attivo

Una scheda video a raffreddamento attivo è oggi una soluzione molto comune per il consumatore medio, nonché il form factor più diffuso sul mercato. Di solito vengono prodotte da aziende affiliate al produttore originale, quindi non troverete molti modelli prodotti direttamente da Nvidia o AMD. Aziende come Gigabyte, Asus, MSI, Sapphire e via dicendo sono oggi i veri protagonisti del mercato, che viene invaso ogni anno con proposte pensate per tutte le tasche.

Si chiamano schede video a raffreddamento attivo perché, per mantenere le temperature operative a livelli accettabili, utilizzano più ventole. La maggior parte delle schede con questo form factor monta due ventole, ma si trovano anche soluzioni con tre o con una sola ventola. Il numero di ventole non determina necessariamente la rumorosità né la temperatura della scheda video. La velocità di rotazione è infatti variabile, e le dimensioni delle ventole stesse incidono in maniera determinante. Di solito un incremento nel numero di ventole permette una diminuzione nella velocità di rotazione. Ciò significa che una scheda video a tripla ventola tende ad essere meno rumorosa di una a doppia o singola ventola.

Scheda Video Asus: il form factor a raffreddamento attivo è il migliore per evitare il throttling.

Una scheda video con questo form factor è quindi mediamente rumorosa, ma ha temperature operative molto valide. È importante infatti che la scheda resti al di sotto di una certa temperatura per evitare fenomeni come il throttling (dettagli in fondo all’articolo), che determina una perdita di prestazioni. In realtà, proprio le schede video a raffreddamento attivo sono di solito le più affidabili per evitare il throttling.
Attenzione però, perché queste schede possono essere piuttosto lunghe e larghe. È quindi opportuno assicurarsi di avere abbastanza spazio sia sulla scheda madre che all’interno del case.

Schede video a blower

Le schede video con form factor a blower vengono create soprattutto per i modelli reference realizzati dagli stessi produttori. Sono quindi schede di AMD e Nvidia. Alcuni produttori realizzano schede a blower subito dopo il lancio di un nuovo chip video, mentre lavorano per realizzare un sistema di raffreddamento custom.
Questo form factor ha una struttura semichiusa, di solito metallica, e un’unica ventola che deve garantire il raffreddamento. L’aria viene spinta all’interno della struttura, fino ad uscire dalla parte posteriore della scheda, che coincide con il retro del case.

Scheda Video Zotac a Blower, un form factor economico ma soggetto a throttling

Di solito questo genere di scheda video è la prima ad essere prodotta dopo la presentazione di un determinato chip. Tendono ad essere più calde e più soggette al throttling, ma anche molto più rumorose rispetto alle soluzioni a doppia o tripla ventola. Questo avviene perché, di solito, una sola ventola deve generare un flusso d’aria sufficiente a mantenere le temperature operative sotto la soglia critica.

Schede video SFF (Small Form Factor)

SFF sta per Small Form Factor. Appartengono a questa categoria le schede pensate per PC di piccole dimensioni, ovvero quelli con case Mini-ITX. Si tratta di soluzioni particolari, sono schede corte ma molto larghe, che coprono quindi più slot PCI. Montando una sola ventola, la rumorosità è piuttosto elevata, e le temperature non sono particolarmente basse. Questo dipende ovviamente anche dalle dimensioni del case Mini-ITX, che di solito non può gestire il calore come può fare un case più grande.

Una scheda video SFF ha spesso prestazioni leggermente inferiori rispetto a quelle a doppia o tripla ventola. Questo può dipendere sia dalle temperature più elevate, che dalla frequenza a cui lavorano. Nella maggior parte dei casi le prestazioni sono equiparabili a quelle delle GPU a blower e dei modelli reference. Sembra quindi che in linea di massima non ci siano motivi reali per acquistare schede con questo form factor, ma non è così. Dobbiamo considerare infatti anche il discorso prezzo.

Scheda video SFF ITX HTPC Asus, rumorosa e incline a throttling termico

Le schede video SFF godono di uno street price che oscilla parecchio, e possono quindi rappresentare un’occasione per molti consumatori. Anche se le prestazioni sono leggermente inferiori rispetto a un modello OC su steroidi, per alcuni utenti il risparmio economico può significare molto.

Schede video a raffreddamento passivo

Le schede video a raffreddamento passivo sono del tutto prive di ventole, e si affidano invece a un sistema di dissipatori per disperdere il proprio calore, quindi non producono alcun rumore. La qualità del dissipatore, la maniera in cui è assemblato, i materiali scelti e le dimensioni stesse determineranno la qualità della dissipazione. Le schede con questo form factor sono comunque molto più soggette al throttling rispetto agli altri modelli, dunque possono avere prestazioni inferiori. Sono consigliate esclusivamente agli utenti che desiderano una configurazione silenziosa, che ovviamente dovranno occuparsi anche della rumorosità del processore.

Scheda Video MSI a raffreddamento passivo, andrà incontro a throttling termico

Una scheda video a raffreddamento passivo ha bisogno di un case ben ventilato. È importante che i flussi d’aria siano efficaci, sia in entrata che in uscita. In genere è possibile trovare soluzioni passive (o fanless) di modelli di fascia bassa e media. Le GPU di fascia più alta in variante passiva sono invece piuttosto rare.

Scheda video OC: overclock di fabbrica e prestazioni

Quando AMD o Nvidia presentano nuove GPU dichiarano, tra le specifiche tecniche, le frequenze di clock dei modelli reference. I diversi produttori cercano intanto di ottimizzare i sistemi di raffreddamento attraverso ventole e dissipatori, proponendo soluzioni custom con diversi form factor. Così facendo possono quindi permettersi di guadagnare qualche MHz sia nella frequenza della RAM video, che in quella della GPU stessa. In questi casi si parla di overclock di fabbrica, e sulla confezione della scheda video potremo leggere da qualche parte la sigla OC (spesso nel nome stesso del modello).


A prescindere dal form factor scelto, una scheda video con overclock di fabbrica ha generalmente prestazioni superiori rispetto ad un modello reference. A parità di prezzo è quindi consigliabile optare per un modello OC. Tuttavia, la differenza prestazionale non è sempre apprezzabile ad occhio nudo. Si parla di incrementi piuttosto contenuti, che difficilmente eccedono un +5% rispetto ai modelli reference. Questo porterà a guadagnare qualche frame con i videogiochi, ma non aspettatevi differenze abissali.

Per scegliere bene una scheda video OC è quindi necessario informarsi bene. Andate a cercare le frequenze reference della GPU che vi interessa, e comparatele a quelle del modello OC. La presenza di un overclock di fabbrica deve essere uno dei parametri da considerare quando valutate il prezzo della scheda video. Leggete il più possibile cercando di capire se il sistema di raffreddamento è adeguato, e soprattutto se la scheda sia soggetta a throttling. Questo è infatti il principale problema che vorrete evitare.

Throttling termico della scheda video e form factor

Il throttling termico avviene quando il sistema di raffreddamento di una scheda video (o di un processore in generale) non riesce a dissipare il calore prodotto. Questo può avvenire per svariati motivi, ad esempio per un overclock troppo elevato, per una ventilazione insufficiente all’interno del case, per l’utilizzo di pasta termica inadeguata, per un form factor passivo o per mancanze nella progettazione.
Quando la scheda si scalda troppo si rischierebbe di danneggiare circuiti e componenti. Per questo motivo entra in gioco il throttling, che previene danni fisici e l’eventuale rottura della scheda. Il throttling consiste in una diminuzione delle frequenze della GPU e della RAM video, in modo che il calore si riduca, fino a quando tutto torna alla giusta temperatura.


La diminuzione nella frequenza corrisponde, per forza di cose, a una diminuzione nelle prestazioni della scheda video. Operando a un clock inferiore, probabilmente noterete un calo nel framerate del videogame. In alcuni casi si può arrivare a rallentamenti massivi, con la scheda video che, in pratica, non ce la fa. Il throttling è dunque una situazione da evitare, nonostante sia assolutamente necessario per garantire il funzionamento della scheda, indipendentemente dal form factor scelto.

Assicuratevi quindi che il vostro case sia posizionato bene e ventilato adeguatamente, sia in ingresso che in uscita. Prestate estrema attenzione quando effettuate degli overclock manuali, perché un incremento di prestazioni non avrebbe molto senso, se il framerate crollasse dopo i primi 10 minuti di gioco. In generale leggete più recensioni possibile per scoprire se i modelli di schede video custom che vi interessano soffrono o meno di throttling. Tendenzialmente una scheda video con form factor a raffreddamento attivo è meno soggetta a throttling rispetto alle altre.

Per evitare questo genere di problemi ricordate che avrete sempre la possibilità di utilizzare Amazon. Potrete acquistare una scheda video venduta e spedita da Amazon, testarla anche per un mese ed eventualmente restituirla gratuitamente qualora non foste convinti delle prestazioni. È la maniera migliore per provare con mano la periferica e scoprire se le prestazioni sono adeguate alle vostre esigenze.

Potrebbero interessarti
PC da gaming: Guida all’acquisto
Benchmark: classifica schede video e processori