LG OLED C2 – Recensione | Una delle migliori TV del 2022

LG OLED C2 è la TV 4K di riferimento di questo 2022 per tutti gli amanti della tecnologia OLED. I nomi in Italia sono, per esteso, LG OLED evo C24 e C26. La TV è disponibile nelle varianti da 42, 48, 55, 65, 77 e 84 pollici, cercando di fare contenti un po’ tutti. La dicitura “evo” sta ad indicare la nuova tecnologia per migliorare la luminosità del pannello. Era già stata utilizzata nel 2021 sulla serie di fascia alta Gallery (LG G1), ma è stata applicata quest’anno anche alle più economiche serie C2 e A2.
Andiamo a vedere più in dettaglio cosa offre questa nuova proposta di LG per la fascia medio-alta del mercato.

LG OLED C2 – Design

Il design di LG OLED C2 è un affinamento di quello visto lo scorso anno. Abbiamo una TV più sottile e più leggera rispetto a C1, molto minimale nelle forme, piacevole alla vista. Lo stand potrebbe essere un po’ ingombrante se desiderate collocare una soundbar appena sotto la TV, ma dipende naturalmente dalle dimensioni della soundbar stessa.
Il pannello gode di un trattamento antiriflesso simile a quello visto in C1, ed è dunque eccellente nel mitigare il fastidioso effetto delle fonti luminose. Rispetto a C1, LG OLED C2 vanta inoltre una luminosità di picco sensibilmente superiore sia in SDR che in HDR, dunque non dovreste avvertire problemi di riflessi o rifrazioni, salvo situazioni estreme. Non siamo ancora ai livelli delle proposte di fascia alta di Samsung, ma ciò è dovuto soprattutto ai diversi valori di luminosità possibili sui pannelli LCD rispetto a quelli OLED. Se avete a disposizione un budget superiore, un’alternativa interessante potrebbe essere in tal senso LG OLED G2, serie di punta della compagnia, che raggiunge una luminosità più elevata rispetto a C2.

LG OLED C2 – Performance

LG OLED C2 offre una qualità visiva superiore rispetto a quanto poteva fare C1 lo scorso anno, correggendone le mancanze in termini di luminosità e ottimizzando colori e copertura cromatica. La TV non viene purtroppo calibrata in fabbrica, ma offre comunque una discreta accuratezza appena tirata fuori dalla confezione. Anche in questo caso la differenza rispetto a C1 è considerevole. Ad ogni modo, sarà necessario lavorare un po’ sulle impostazioni per ottenere dei valori più corretti. Fa piacere scoprire come la copertura cromatica dello spazio DCI-P3 sia incrementata, superando il 99% totale e garantendo ottimi riscontri nei contenuti HDR.

Passando alla visione di contenuti veri e propri, LG OLED C2 si comporta esattamente come ci si aspetterebbe dai numeri. Il nuovo engine si chiama Alpha a9 Gen 5 e, grazie al suo software, migliora la gestione dei dettagli nelle immagini e i contrasti della scena attraverso il tone mapping dinamico.
Utilizzare servizi quali Netflix o Amazon Prime Video è un piacere per gli occhi, grazie alla combinazione offerta dalla copertura cromatica e dalla buona luminosità. La differenza rispetto allo scorso anno è netta. Purtroppo LG continua a non supportare lo standard HDR10+, ma la compatibilità è garantita con Dolby Vision, HDR10 Pro e HLG. In termini di luminosità reale C2 fa registrare circa 420 nit di picco in SDR, che diventano circa 840 in HDR. Siamo ancora lontani dai 1000 nit che vengono presi come riferimento per i master dei film, e che al momento sono raggiungibili (e superabili) solo dalle TV basate su tecnologia LCD. Probabilmente serviranno ancora una o due generazioni prima di poter raggiungere valori del genere su OLED. Pur trovandosi al di sotto, la visione dei film è comunque godibilissima, grazie a cromatismi che lasciano pienamente soddisfatti e ai soliti neri perfetti degli OLED.

Gaming

Anche nel gaming LG OLED C2 si comporta egregiamente. In questo caso la luminosità di picco in HDR raggiunge gli 800 nit, che vanno bene un po’ per tutto. C’è il supporto per VRR attraverso Free Sync di AMD e G-Sync di Nvidia, dunque sia i giocatori console (PlayStation 5 e Xbox Series) che quelli PC Windows saranno coperti. Sempre per i giocatori console abbiamo quattro porte HDMI 2.1, che consentono di arrivare ai tanto desiderati 120 frame al secondo in risoluzione 4K nativa. Non manca il supporto per i 1440p a 120 frame al secondo e 1080p sempre a 120Hz.
Sia i valori di input lag che i tempi di risposta sono al vertice della categoria, e competono senza problemi con i migliori monitor da gaming sulla piazza. I tempi di risposta sono infatti di appena 2.4 millisencondi, mentre l’input lag varia dai 5,7 ai 10.7 ms, considerando tutte le possibili risoluzioni e refresh da gaming su console. La variante da 43 pollici di C2 è dunque molto indicata per chi fosse alla ricerca di un buon monitor da gaming per PC Windows, a patto di prestare attenzione agli elementi fissi dello schermo, considerato il rischio di burn in tipico dei pannelli OLED.

Conclusioni

In definitiva, LG OLED C2 riesce a correggere tutti i mezzi passi falsi compiuti da C1 lo scorso anno, e si conferma come una delle migliori TV sulla piazza in quanto a rapporto qualità prezzo. Non siamo ancora alla perfezione per quanto riguarda la luminosità di picco e HDR, ma i miglioramenti costanti sono comunque apprezzabilissimi. Il software è maturo, senza rivoluzioni particolari, ma offrendo comunque affinamenti che rendono l’esperienza più gradevole. Situazione poi ottima sotto il profilo gaming, con tempi di risposta e input lag perfetti sia per i 1080p, che per i 1440p che per i 2160p, con o senza HDR.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *